Skip to content Skip to footer

Apprendimento delle strategie intelligenti su Google Ads

In questo articolo vorrei mostrare, attraverso l’esempio di un negozio online, come avviene l’apprendimento degli algoritmi di Google utilizzando strategie intelligenti nella pubblicità contestuale, ad esempio Massimizza le Conversioni. Immaginiamo che i prodotti in un certo negozio di costruzioni rappresentino gli utenti online che inseriscono la parola chiave “Prodotti per la casa” nella ricerca, mentre le vendite rappresentano le conversioni.

Quindi, cosa abbiamo? Nel catalogo online, tutte le categorie di prodotti corrispondono a questa query di ricerca, precisamente 12.000 prodotti. Nella nostra analogia, questa è la nostra audience di vario tipo. Nella fase iniziale, quando si avvia una campagna pubblicitaria su Google Ads, il sistema avvia un processo di pre-apprendimento per 5 giorni.

Durante questo periodo, i tuoi annunci saranno visualizzati per diverse categorie di prodotti, quasi come se stessero esplorando alla cieca per capire quali categorie di prodotti verranno acquistate. E poi, improvvisamente, avviene l’acquisto di laminato, seguito da linoleum e parquet. Dopo 5 giorni di apprendimento tramite Google Ads, potrebbero verificarsi, ad esempio, 10 vendite, di cui 7 di laminato, 2 di linoleum e 1 di parquet.

Dopo l’apprendimento, il motore di ricerca avrà un’idea di quale tipo di prodotto sia più venduto sul tuo sito e si concentrerà su di esso in percentuale (laminato 70% – linoleum 2% – parquet 1%). Nella nostra analogia, questo rappresenterebbe un tipo specifico di pubblico con caratteristiche definite.

  • Sesso: uomini (80%), donne (20%)
  • Età: 32 – 45 anni
  • Interessi: giardinaggio, riparazioni, sport, automobili
  • Tempo attivo online: dalle 19:45 alle 22:15
  • Ambito professionale: meccanico, parrucchiere, lavori di riparazione
  • Luoghi visitati: Roma, Frosinone, Napoli, Caserta e altri.

Questa è solo un’approssimazione dei parametri che potrebbero essere disponibili a Google. In realtà, ci potrebbero essere centinaia, se non migliaia, di diverse caratteristiche per ogni utente nella rete. Essendo possessore di uno smartphone con sistema operativo Android, Google potrebbe persino dare un’occhiata ai tuoi contatti nel telefono, identificando così la tua cerchia sociale e creando il tuo ritratto digitale.

In questo modo, Google riassegnerà il budget principale per mostrare i tuoi annunci nella categoria del laminato. Le vendite sono più intense, ma si concentrano principalmente su modelli specifici di laminato, principalmente al 90% del produttore tedesco Tarkett e del russo Kronostar. A questo punto, l’algoritmo di Google Ads filtrerà il laminato in base a questi produttori, riducendo significativamente la portata dell’audience a coloro che sono più inclini all’acquisto del tuo specifico prodotto. Spero che questa analogia sia comprensibile 😅.

Così, andiamo avanti… Trascorrono 3 settimane, le vendite aumentano e il costo per conversione diminuisce grazie alla ridistribuzione del budget verso clienti più promettenti. Raccogliendo più statistiche, Google cerca di individuare ciò che hanno in comune i prodotti che vengono acquistati di più.

  • Colore: marrone
  • Spessore del pannello: 8 mm
  • Superficie: lucida
  • Disegno: legno
  • Impressione: smussatura 4V

Quindi, l’algoritmo filtra nuovamente l’audience attraverso parametri più specifici e inizia a mostrare annunci in modo più mirato.

Come avete già capito, le strategie intelligenti per la determinazione delle offerte e la selezione del pubblico target vengono apprese proprio seguendo questo principio, approfondendo costantemente attraverso i filtri per trovare in modo più preciso i potenziali clienti per il vostro sito web. Più conversioni forniamo al sistema pubblicitario, più il motore di ricerca imparerà a distinguere in modo sottile tra i visitatori di qualità e quelli meno desiderabili (clic fraudolenti, persone non interessate all’acquisto).

Nel pannello di controllo della pubblicità, Google può anche fornire alcune sintesi dell’apprendimento nel riepilogo generale.

E per concludere, alcuni consigli sulla scelta degli eventi sul sito come conversioni. Consiglio di utilizzare obiettivi in cui il visitatore mostra i propri contatti o è obbligato a scrivere un messaggio.

  • Modulo di contatto
  • Chiamata telefonica (tracciamento delle chiamate)
  • Ordine di richiamata
  • Chat online

Sconsiglio vivamente l’uso di micro-conversioni, come i clic su elementi del sito: numero di telefono, email, messaggeria, aggiunta di prodotti al “carrello“. Azioni simili sono comunemente compiute da bot spam, che visitano il vostro sito, simulano utenti reali e generano conversioni fittizie. Il tasso di tali eventi può arrivare fino al 90%. Ora, applicando questa analogia descritta sopra, comprendere come queste conversioni possano influenzare la selezione dei prodotti nel catalogo e capire quanto si diluirebbe il focus nella scelta del pubblico target.

Come da tradizione, alla fine ti invito a dare un’occhiata a un eccellente widget di WhatsApp da installare sul sito, che risolve il problema delle conversioni fittizie. Cosa può fare il widget?

  • Protezione dalle conversioni fittizie
  • Invio automatico degli eventi a GA4
  • Possibilità di inviare conversioni offline a Google Ads
  • Notifiche sui messaggi su Telegram
  • Registro dei primi messaggi